Cos’è lo strabismo?

bambinoLo strabismo è la condizione nella la quale gli assi visivi dei due occhi non sono allineati. Esistono due tipi di strabismo: "concomitante" e "inconcomitante". Il primo è caratterizzato da una deviazione pressoché uguale in ogni posizione di sguardo. Nel secondo la deviazione varia con le diverse posizioni di sguardo ed è massima nel campo d’azione del muscolo (o dei muscoli) deficitari. Lo strabismo concomitante è in genere più frequente nei bambini. In Italia ed in tutto il mondo occidentale si registra una prevalenza dello strabismo convergente (esotropia) su quello divergente (exotropia). Entrambi questi strabismi sono dovuti ad alterazioni della coordinazione motoria.

L'intervento chirurgico

La chirurgia dello strabismo è una procedura ormai ben consolidata con amplissimi margini di sicurezza. Oggi le tecniche permettono interventi in anestesia locale, eventualmente con sedazione leggera per i bambini.
Per correggere una deviazione oculare abbiamo a disposizione due possibilità: indebolire i muscoli che funzionano troppo (Recessione), o rinforzare quelli che sono invece ipofunzionanti (Resezione). In realtà esistono anche altri interventi più complessi, ma tutti hanno comunque lo scopo di normalizzare e riequilibrare la muscolatura.
La scelta del tipo di intervento è sempre dettata dalle caratteristiche dello strabismo ed è sempre l’esperienza del chirurgo a valutare il tipo e l’entità ottimale dell’intervento da eseguire.